FREE[SOFT]WARE: fa la differenza

Software distribuito gratuitamente, di cui l'autore detiene in modo esclusivo il codice sorgente e ne può dunque conoscere e modificare il comportamento. Spesso accompagnato da una licenza che ne vieta esplicitamente la vendita.

Software che garantisce all'utilizzatore il diritto di utilizzo, analisi, modifica e ridistribuzione. Distribuito gratuitamente o a pagamento, ma sempre insieme al relativo codice sorgente. In italiano spesso chiamato "software libero".


Il software libero è spesso oggetto di luoghi comuni e pregiudizi, soprattutto presso gli sviluppatori di software proprietario. E, incredibilmente, anche presso coloro che implementano e distribuiscono applicazioni freeware, ovvero gratuite ma chiuse, i quali pur evidentemente essendo animati da uno spirito altruistico hanno qualche perplessità sul fatto di adottare una licenza libera ed un modello di sviluppo opensource.

Questa pagina è dedicata proprio a loro, per commentare e discutere alcuni fattori meno noti.

Usa Analizza Modifica Condividi

Il software libero è una roba di Linux, io non lo uso.

Il concetto di "software libero" è indipendente dal sistema operativo di riferimento. Tant'è che ci sono applicazioni libere che girano su Linux tanto quanto su Windows e Mac (ad esempio i celebri Firefox o LibreOffice), ma anche solo per Mac (ad esempio Adium) o solo per Windows (come NotePad++).

Anche la tua applicazione .NET o Visual Basic scritta per Windows, o quella Objective C per Mac, in qualsiasi linguaggio e per qualsiasi piattaforma, può essere legittimamente rilasciata come software libero.


Se rilascio il mio codice poi qualcun'altro lo vende e ci fa i soldi.

Detto francamente: se la tua applicazione avesse un qualsiasi potenziale commerciale tu stesso non la distribuiresti come freeware ma proveresti a venderla. Probabilmente senza riuscirci, data la quantità di applicazioni simili (e magari altrettanto freeware) esistenti. D'altro canto, già adesso chiunque può vendere il tuo programma scaricato da Internet ignorando ogni vincolo imposto dalla tua licenza.

Viceversa, pubblicando il tuo codice su una popolare piattaforma di sviluppo aperto (come SourceForge, GitHub o GitLab) le tue capacità di progettazione e programmazione sarebbero pubbliche e palesi, da sfoggiare sul curriculum e sotto gli occhi dei recruiter delle maggiori aziende del mondo. E permettendone espressamente l'uso commerciale da parte di altri, più persone saranno portate a rivolgersi a te per modifiche e correzioni (magari dietro compenso economico).


Se rilascio il mio codice poi qualcun'altro lo prende e lo spaccia per suo.

Se i crack delle applicazioni a pagamento escono ancor prima che queste siano pubbliche, pensi ci voglia molto ad alterare le stringhe statiche del tuo programma modificando i credits, togliendo il tuo nome e mettendone un altro? Anche in questo caso, come per la vendita: magari qualcuno lo ha già fatto, tu non lo saprai mai, e tenere il codice chiuso non ti ha tutelato più che aprirlo.

Ogni licenza freesoftware implica il fatto di "ereditare" il copyright originale del codice che viene copiato in un altro progetto, sia esso un intero file o una singola funzione. Certo ci potrà essere qualche approfittatore che prenderà parte del tuo codice senza badare a copiare anche il tuo nome (gli approfittatori ci sono sempre...), ma ci saranno anche tanti altri sviluppatori che lo riutilizzeranno nel modo corretto incrementando ancora maggiormente la tua visibilità.


Aprendo i sorgenti perdo il controllo del progetto.

Al contrario, aprendolo sarà più facile trovare altre persone interessate a contribuire fornendo patch, correzioni e migliorie: starà a te decidere quali adottare e quali respingere.

Certo nel mondo opensource esiste la nozione di "fork", ovvero un progetto che viene derivato in un altro. Premesso che anche in quel caso il copyright originale viene preservato, tale operazione avviene tipicamente in un caso: quando il progetto di partenza non è più mantenuto dal suo autore. E' dunque probabile che, aprendo i sorgenti, anche il giorno in cui non avrai più tempo e voglia di proseguire nello sviluppo qualcuno lo farà al posto tuo.


Vuoi adottare il modello di sviluppo opensource? In questa pagina qualche dritta e qualche consiglio!

Vuoi iniziare a sviluppare software libero per Linux? In questa pagina trovi qualche spunto per iniziare!

Hai altre domande? Scrivici e saremo lieti di rispondere ai tuoi dubbi!